la bici è ...

la bici è ... economica, ecologica, salutare, segno di civiltà: INTELLIGENTE!

"La bicicletta richiede poco spazio. Se ne possono parcheggiare diciotto al posto di un auto, se ne possono spostare trenta nello spazio divorato da un unica vettura. Per portare quarantamila persone al di là di un ponte in un ora, ci vogliono dodici corsie se si ricorre alle automobili e solo due se le quarantamila persone vanno pedalando in bicicletta"

Ivan Illich "elogio della bicicletta"

mercoledì 21 dicembre 2011

AUGURI



TANTI AUGURI DI BUON NATALE E DI FELICISSIMO ANNO NUOVO A TUTTI

Speriamo che il 2012 porti a tutti gioie, soddisfazioni, serenità...e magari anche qualche nuova pista ciclabile!

NOI CONTINUIAMO A PEDALARE PER PROGETTARE UNA FIGLINE A DUE RUOTE!

martedì 13 dicembre 2011

FiglineInBici riporta le esigenze e le proposte dei cittadini.

Analisi del questionario proposto ad Autumnia

Un mese fa si è svolta a Figline Valdarno la manifestazione Autumnia, all’interno della quale, oltre ai consueti produttori enogastronomici, agli enti locali e alle realtà produttive locali e nazionali, ampio spazio è stato dato alle Associazioni del territorio valdarnese. Una delle novità di quest’anno , è stata la Piazza Sostenibile, ideata dall’assessorato all’Ambiente del Comune di Figline Valdarno, in cui erano presenti diverse proposte commerciali e associative finalizzate all’eco-sostenibilità.
Tra queste era presente FiglineInBici!

In questa occasione, parallelamente all’organizzazione di una riuscita biciclettata per le strade di Figline e Matassino, FiglineInBici ha avviato una campagna di sensibilizzazione attiva alla cittadinanza sul tema della mobilità ciclabile attraverso la distribuzione di volantini e materiale informativo. Durante i due giorni della manifestazione, la neonata Associazione ha avuto la prima opportunità di interagire e dialogare con i cittadini a cui, in accordo e in collaborazione con l’Assessore alla Viabilità del comune di Figline Valdarno Daniele Raspini, ha proposto un questionario a risposta multipla mirato ad individuare i punti di forza ed i punti deboli della mobilità ciclabile a Figline.
Da una prima analisi dei risultati, saltano all’occhio immediatamente delle richieste dei cittadini che riguardano le infrastrutture ciclabili estremamente carenti in paese, come le rastrelliere e le piste ciclabili. Considerando che la quasi totalità degli intervistati (86%) dichiara di utilizzare la bici per raggiungere il Centro storico, risulta chiara l’esigenza di dotare Piazza M. Ficino e/o le strade limitrofe di opportuni posti per le bici. Altri luoghi raggiunti da un numero significativo di persone sono la stazione (49%) e le scuole (39%) dove andrebbero installate opportunamente delle rastrelliere per permettere ai pendolari e agli studenti di lasciare la bicicletta in maniera decorosa e senza intralciare i passaggi sui marciapiedi.
Per quanto riguarda le piste ciclabili, dal questionario è emerso che esiste un uso diffuso della bicicletta per raggiungere il Centro storico anche a partire dai nuclei periferici; in particolare dal Cesto (27%), dallo Stecco (24%), da Matassino (18 %), ma anche da San Biagio (16%) o dalla più lontana Restone (10%). La richiesta di percorsi ciclabili risulta spesso associata a una necessità di maggiore sicurezza sulle strade per adulti e bambini. Infatti se il 39% afferma che userebbe di più la bicicletta se il traffico fosse meno pericoloso, addirittura il 69% la utilizzerebbe di più se ci fossero piste ciclabili, dato che non può che incoraggiare gli amministratori e pensare e agire in questa direzione.
Sicurezza che viene richiesta non solo per il ciclista ma anche per le biciclette se si osserva che il 27% degli intervistati ritiene che uno dei problemi principali della bicicletta è proprio il timore che la bici venga rubata, mentre il 22% la userebbe di più se potesse posteggiarla in un posto sicuro.
Molto interessante e stimolante è stato poi vedere le risposte relative ai punti di forza del muoversi in bicicletta. Se il 63% del campione dichiara di usare la bicicletta perché fa bene alla salute (e questo anche molti studi scientifici lo confermano), esiste anche un 47% di cittadini che contro ogni luogo comune afferma di utilizzare la bicicletta perché è più veloce dell’automobile. Tale affermazione è vera anche perché la bici permette di attraversare passaggi più brevi interdetti alle auto e perché non produce inutili perdite di tempo per la ricerca di parcheggio come dichiara il 45% del campione. Inoltre il 47% degli intervistati pone la giusta attenzione al tema ecologista e sceglie l’uso della bicicletta anche per non inquinare.
Di notevole importanza è stato infine l’inserimento nel questionario di una domanda aperta in cui segnalare eventuali proposte e suggerimenti a favore della ciclabilità.
Tra le tante indicazioni è stato sottolineato da diversi cittadini la necessità di vie di collegamento ciclabili tra i Comuni dell’intera vallata valdarnese, da Montevarchi fino a Incisa. In particolare il collegamento Figline-Incisa, oltre a un aspetto politico molto forte che assumerebbe in caso di realizzazione del Comune unico, è una direttrice che alcune persone ci hanno segnalato anche per dare l’opportunità ai pendolari di venire in bicicletta da Incisa per accedere ai treni della linea diretta senza affollare i saturi parcheggi della stazione di Figline.
Di notevole interesse inoltre la proposta emersa di promuovere e incentivare l’uso della bicicletta per lo sviluppo del ciclo-turismo nel nostro territorio, realizzando percorsi e strutture ricettive attrezzate per l’accoglienza dei turisti nazionali e internazionali che potrebbero contribuire ad un ritorno economico significativo per il nostro paese.
Altre segnalazioni riguardano poi un miglioramento dell’accesso in stazione,la realizzazione di passaggi alternativi ed esclusivi per le biciclette, una viabilità e una segnaletica differenziata per le biciclette e per i pedoni, la promozione del bike-sharing e la progettazione di un progetto di bici bus.
Uno degli aspetti principali emersi,che abbiamo lasciato per ultimo proprio per sottolinearne la sua importanza, è la richiesta di una “educazione” e una “sensibilizzazione” a favore di cittadini sul tema della mobilità ciclabile; in particolare molti intervistati evidenziano come aspetto fondamentale l’educazione dei bambini per creare la giusta mentalità nei cittadini di domani. Questo è un obiettivo che FiglineInBici si era già proposto di attuare, cominciando a pensare di coinvolgere le scuole e il Comune in bandi e concorsi mirati all’educazione ciclabile. Riteniamo che sia indispensabile cominciare a fornire ai nostri bambini e ai nostri giovani un mezzo sano e alternativo per muoversi in libertà e in sicurezza e cominciare a parlarne nelle scuole potrebbe essere il punto di partenza migliore.Insomma sono stati tanti gli spunti e gli stimoli che abbiamo raccolto e che gireremo ai nostri amministratori sperando che il nostro impegno per diventare portavoce del popolo delle due ruote non sia vano. Per i risultati completi del questionario clicca qui http://figlineinbici.blogspot.com/p/risultati-questionari-proposti-ad.html